Perché TrasArt?

Dal napoletano trasi, che vuol dire entra, nell’arte: una finestra sui monumenti del centro storico di Napoli per farli conoscere come li conosciamo noi.
La scuola Adelaide Ristori si trova nel cuore del centro storico di Napoli, patrimonio dell'Umanità e sito UNESCO, che conserva nel suo tessuto urbano nella sua stratigrafia tremila anni di storia ancora oggi visibili.
A differenza di quelli di Roma o Atene, il nostro centro storico si presenta a strati, una “città nella città”. Sulle case e sulle botteghe greche ne furono costruite altre in epoca romana; su quelle romane furono edificate quelle medioevali e su quelle medioevali quelle del Cinquecento e del Seicento e così fino ai nostri giorni.
Napoli è l’unica città al mondo ad avere un centro storico vivo in cui la modernità incontra l’antichità.

Da oltre dieci anni la scuola collabora con il Maggio dei Monumenti e con Museo Aperto, progetti del Comune di Napoli e con la Fondazione Napolinivantanove per il progetto La Scuola Adotta un Monumento.
Gli alunni della scuola hanno adottato la Fontana della Sellaria (logo della scuola), il Grande Archivio, il Palazzo Como -Museo Civico G. Filangieri, la Real Casa Santa dell’Annunziata, oggetto dei loro studi con ricerche storiche, produzione di testi, cartelloni, pannelli informativi, plastici e visite guidate.

Ogni anno, durante le manifestazioni del Maggio dei Monumenti, gli alunni diventano “Ciceroni nella propria città”,raccontando ai visitatori, con l’ausilio dei lavori prodotti, la storia dei monumenti adottati.
Con il progetto TrasArt, iniziativa di crowdfunding supportata da Fastweb ed Eppela in collaborazione con il MIUR, in ci proponiamo di rendere più attuale e continua la fruizione di questi monumenti utilizzando i più recenti sistemi tecnologici per favorire la diffusione della cultura digitale tra gli studenti, come indicato dal Piano Nazionale Scuola Digitale, e al contempo offrire un servizio alla cittadinanza e ai visitatori che potranno usufruire gratuitamente di una guida interattiva e georeferenziata.
Il nostro obiettivo, infatti, è quello di realizzare una piattaforma web dove sono contenute le informazioni relative ai monumenti oggetto di studio dei ragazzi. I contenuti tutti realizzati dai ragazzi si presenteranno in diversi formati, video, audio, fotografici, e nelle tre lingue, Italiano, Inglese e Spagnolo.
L’accesso ai contenuti avverrà attraverso il web e successivamente anche attraverso la lettura, con un qualsiasi dispositivo mobile, del codice QR che ci proponiamo di apporre in prossimità di ognuno dei monumenti considerati.